Caffè Europa della Università Libera per Tutte le Età
Uno spazio di Fuoricentroscampia per la cittadinanza europea

LO SGUARDO OBLIQUO

Il prossimo incontro di “Caffè Europa dell’Università Libera per Tutte le Età” si terrà il 24 gennaio 2011 presso il TEATRO AREA NORD.
In questa occasione “LIBERA SCENA ENSEMBLE” offrirà, agli studenti che prendono parte all’attività, lo spettacolo
LO SGUARDO OBLIQUO
liberamente tratto da: “La Specie Umana” di Robert Antelme e
“Il Dolore” di Marguerite Duras

con Paolo Cresta, Irene Grasso, Lello Serao, Alessia Sirano

regia Lello Serao

Scheda
l Giorno della Memoria si celebra nel ricordo degli orrori che segnarono il dominio nazi-fascista in Europa, quasi sempre lo sguardo è orientato verso il popolo ebraico che di quegli orrori fu la vittima prescelta, ma quei drammatici avvenimenti hanno avuto altre vittime, nell’Olocausto si sono intrecciati destini diversi, si sono mischiate storie e vissuti di uomini e donne che mai avrebbero immaginato l’orribile inferno in cui altri uomini li avrebbero condannati.
Robert Antelme, detenuto politico, trascorre otto mesi in un Lager senza camere a gas né forni né esecuzioni di massa. L’angolo visuale è diverso da quello dei deportati ebrei, ma il dato di partenza è lo stesso: il bisogno vitale di raccontare e la difficoltà a mettere per iscritto l’inconcepibile.
Abbiamo scelto di raccontare l’orrore attraverso il libro di Antelme  “La specie umana” perché in esso oltre all’ attenzione ossessiva ai dettagli, vi è una visione minuta ma mai compiaciuta dell’orrore e della degradazione umana, figure nobili o abiette di compagni e aguzzini campite su uno sfondo di desolazione.
Antelme ha accesso a due tipi di sguardo: lo sguardo d’aquila di chi nei momenti di tregua riesce persino a vedere dall’alto la propria condizione avvilente e la geometria dei rapporti di forza, e poi lo sguardo del topo, ricacciato al fondo dello scoraggiamento e dell’annientamento fisico.
Alla fine quando non sembra più esserci rimedio alla morte dal tunnel si affaccia la luce  e …”Quello che so, è che non posso più camminare e cammino” ed è allora che si comprende che l’indistruttibilità della specie umana si può affermare solo dopo aver attraversato tutta quanta la linea d’aria del male.
Fa da contrappunto alla voce di Antelme “Il Dolore” di Marguerite Duras, l’attesa che indurisce il viso e sconvolge l’anima, l’attesa di chi non si rassegna all’oblio e che nel momento del ritrovamento in una Parigi dove sfilano in una strana coreografia patronesse e colonnello, funzionari e politici corrotti, un ministero per il rimpatrio, i discorsi di de Gaulle si affaccia “una forma sul divano” che lotta contro la morte e che …. “Mi guarda, sorride. Si lascia guardare… Si scusa di essere ridotto così, un rifiuto”  quasi il riflesso della spessa notte dalla quale era uscito, e che non avremmo conosciuto mai.
Fra buoni e cattivi, giusti e ingiusti, vittime e carnefici, – il male, o un tocco di grazia, si insinua a dispetto delle frontiere, sotto le apparenze. È questo, mi sembra di capire, che rende la vita impossibile, la scrittura della vita deliziosa.
Annunci

Nessuna Risposta to “LO SGUARDO OBLIQUO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: